pappagallo: la guida definitiva (2021) del mondo degli uccelli

Nome comune : Parrocchetto, Budgerigar, Budgie 
Nome latino : Melopsittacus undulatus 
Nome del gruppo : Flock, Pandemonio, Compagnia 
Dieta : Granivore 
Dimensione adulto : 7 pollici di lunghezza 
Peso adulto : 1,1-1,4 once
Aspettativa di vita : 5-10 anni 

Colore : Verde, giallo, blu e altro 
Suoni : Comunicatore vocale 
Interazione : Molto sociale 
Dieta : Semi, frutta, verdura, legumi, legumi, noci, pellet 
Origini : Australia

Se avete mai voluto diventare un genitore pappagallo, sappiate che questo compito comporta molte responsabilità. 

Informarsi sulla specie, sulla sua dieta, sulle sue esigenze sociali e su una varietà di altre cose può aiutarvi a capire se è l’animale giusto per voi o meno.

In questo post, tratteremo la maggior parte delle basi che dovreste sapere da quali tipi di pappagallini ci sono nel mondo a come prendersi cura dei pappagallini in modo che siano felici e sani.

Indice

Parrocchetto

Uno dei primi fatti sui pappagallini che dovreste imparare è che il nome “pappagallino” è un nome generico per diverse specie di uccelli.

Tra questi, il più popolare è il pappagallino, per una serie di motivi diversi. 

Da un lato, i pappagallini sono molto più facili da curare rispetto agli altri uccelli, sia per quanto riguarda le necessità alimentari che per quanto riguarda ciò che si intende spendere per la loro gabbia e gli accessori. 

Hanno una parte di esigenze che è necessario affrontare, ma sono considerati uccelli da compagnia a bassa manutenzione. 

Un altro aspetto che li rende così popolari è che si può insegnare loro a parlare. 

Alcuni di loro potrebbero non essere in grado di farlo, ma ce ne sono molti che possono imitare suoni, parole o anche frasi se sono addestrati a farlo fin da piccoli.

I pappagallini sono molto socievoli e si divertono a passare il tempo in compagnia sia degli esseri umani che di un altro amico della stessa specie. Ecco perché il più delle volte vengono adottati in coppia. 

Mentre il pappagallino è considerato un docile uccello da compagnia, sembra che il Budgerigar inglese sia più calmo rispetto al parrocchetto americano. ( 1 )

Origine e storia

Un pappagallino è un pappagallino? Sì, fa parte della grande famiglia dei pappagallini, ma non tutti i pappagallini sono pappagallini. Inoltre, non tutti i pappagallini sono animali domestici. 

Ci sono pappagallini liberi che vivono in grandi gruppi in prati e boschi aperti dell’Australia e della Tasmania. 

Il pappagallino è originario dell’Australia. È qui che gli uccelli sono stati avvistati per la prima volta nel 1800. Sono stati registrati come specie nel 1805 da George Shaw, che lavorava presso il dipartimento di storia naturale del British Museum. 

John Gould, un appassionato di uccelli, ha scritto un libro intitolato ‘Birds of Australia’, dove ha fatto una descrizione dettagliata dei pappagallini. 

È stato il primo a portare con sé diversi pappagallini nel suo viaggio di ritorno in Inghilterra. 

Fu allora che i pappagallini iniziarono ad essere allevati in cattività, con il fratello di John Gould che ne vendette un paio nella prima parte del XIX secolo per l’equivalente di diverse centinaia di euro del denaro odierno.

I pappagallini sono diventati uccelli da compagnia popolari, tanto che persino la regina Vittoria ne ha ricevuto un paio nel 1845. 

Tuttavia, a causa della loro scarsità in Australia, il paese ha vietato l’esportazione dei pappagallini. Questo è il motivo per cui tutti quelli che si vedono nei negozi di animali al giorno d’oggi provengono da stock in cattività. ( 2 )

Regione natale e habitat naturale

Ci sono diversi habitat di pappagallini in tutto il mondo, poiché le specie di pappagallini comprendono oltre 100 tipi di uccelli diversi. 

Da un punto di vista tassonomico, ci sono pappagallini ovunque, dal Sud Africa e dall’America centrale al Medio Oriente. 

Tuttavia, gli uccelli pappagallini provengono dall’Australia, dove tendono a vivere nelle praterie.  La cosa interessante di questo uccello è che, pur amando volare e socializzare con gli altri, non fa i nidi. 

Invece, un pappagallino di solito si nasconde in una cavità che esiste già in un albero. 

Oltre alle praterie, i pappagallini vivono anche nel deserto e nei boschi. 

Se non riescono a trovare cibo nel loro habitat, possono spostarsi in città, dove si trovano a mangiare di tutto, dai semi d’erba ai frutti e alle verdure, fino agli insetti, se necessario. 

Non è raro che alcuni tipi di parrocchetti scappino e comincino a vivere in natura come se non fossero mai uccelli da compagnia. 

Questo accade in Australia, per il cui ambiente è naturalmente progettato, ma si è scoperto che accade in altri luoghi caldi in tutto il mondo.

Temperamento e personalità

Un’altra informazione sui pappagallini che dovrebbe interessarvi è se un pappagallino è compatibile con voi in termini di temperamento. 

Se siete alla ricerca di un uccello da compagnia che non ponga troppe difficoltà e che sia ottimo anche per i bambini, un pappagallo potrebbe essere la scelta migliore.

I pappagallini sono di solito docili e gentili, anche se ogni tanto possono arrabbiarsi. 

Ci sono stati casi di persone che sono state morse da pappagallini, ma questo di solito è il risultato di un incidente come quello di aver tirato fuori l’uccello dalla gabbia troppo velocemente, afferrandolo con troppo entusiasmo, o altri eventi simili.

In generale, anche i pappagallini sono facili da domare, soprattutto se adottati all’inizio della loro vita. 

Inoltre, di solito sono felici, cinguettano e cantano, e hanno molta energia, soprattutto quando sono alimentati con la giusta dieta. 

Anche i parrocchetti possono essere attivi e giocherelloni, ma anche la loro personalità varia da un uccello all’altro. Ce ne possono essere alcuni più silenziosi, anche se di solito non quando vivono in coppia. 

Nel complesso, però, i pappagallini tendono a fare meno rumore di altri tipi di pappagalli e si addormentano più facilmente di notte. 

Comportamento e formazione

Conoscere e insegnare ad un pappagallino è molto più facile e più efficace quando viene fatto quando il pappagallino è ancora giovane. 

Questi uccelli da compagnia sono in grado di imparare a parlare prima di raggiungere l’età di 1 anno di età, ma insegnarglielo, in seguito, è molto impegnativo. 

Ci sono molti comportamenti dei pappagallini che imparerete anche voi, ma quando si tratta di allenamento, dovreste avere una routine o un piano in atto. 

La maggior parte dei genitori di uccelli da compagnia trovano che insegnare ai loro pappagallini a parlare è più efficace se fatto al mattino, poiché l’uccello è ben riposato allora. 

La coerenza è la chiave quando si tratta di insegnare al pappagallino a parlare. 

Un’altra cosa che potete fare è addestrare il vostro pappagallino con le dita o il posatoio o insegnare al vostro pappagallino nuovi trucchi, come cavalcare sulla spalla, giocare a “uccello morto” o esplorare le vostre tasche. ( 3 )

Come dormono i pappagallini? Anche in questo caso, si possono fare alcuni aggiustamenti. Se avete bisogno che la vostra coppia di pappagallini sia silenziosa durante la notte, potete coprire la gabbia con uno straccio. 

Assicuratevi però che lasci entrare ancora abbastanza aria. La maggior parte dei pappagallini imparano ad addormentarsi la sera, se lo fai di nuovo.

Esercizio

I pappagallini devono essere fatti uscire dalla loro gabbia? 

Anche se non è una cosa che si deve semplicemente fare, è molto meglio far conoscere al proprio pappagallino il suo ambiente di vita piuttosto che lasciarlo rinchiuso in gabbia tutto il giorno. 

Se avete già adottato un pappagallino, avrete notato che è molto attivo. 

Ecco perché si consiglia vivamente di procurarsi una serie di accessori per pappagallini che possono fornire sia divertimento che un po’ di varietà in termini di esercizio fisico. 

La maggior parte dei parrocchetti ama saltare su diversi posatoi, usare un’altalena, parlare con la loro coppia o guardarsi allo specchio se sono soli. 

Se volete lasciare i pappagallini per esplorare la vostra casa, assicuratevi che sia uno spazio completamente sicuro, senza cassetti o armadietti aperti da cui gli uccelli possano entrare e da cui non possano uscire. ( 4 )

Evitate di tenere le finestre o la porta aperta quando lasciate il pappagallino per esplorare la casa. 

Non molti di quelli che riescono a scappare tornano indietro, soprattutto se non hanno avuto abbastanza tempo per interagire con i loro proprietari e legare con loro. 

Prevenire le fughe è ancora più importante se si vive in una zona con un clima freddo, poiché i pappagallini non vanno bene a basse temperature. 

Discorso e vocalizzazione

I pappagallini parlano? 

Certo, sia con i loro amici umani che con la loro coppia. Alcuni dicono che sono uccelli rumorosi, ma rispetto ad altre specie di uccelli domestici sono in realtà piuttosto silenziosi. 

A che età i pappagallini cominciano a parlare? 

Se per “parlare” ci riferiamo alla mimica di suoni e parole che noi, persone, usiamo, un pappagallino di solito inizia a parlare all’età di 1 anno. 

Tuttavia, parlare tra di loro è fatto attraverso fischi, cinguettii, chiacchiere, sibili e persino urla. 

Il clic è un altro suono piuttosto comune che i pappagallini possono emettere e di solito è un segno che l’uccello si sente felice. 

I pappagallini possono anche twittare, soprattutto quando sentono di aver bisogno di un po’ di attenzione, sia da parte vostra che della loro coppia. 

Parlare con l’uccello serve a qualcosa? Sì. Se per un motivo o per l’altro avete adottato un solo pappagallo, è necessario che interagite con lui il più spesso possibile. 

Anche se suona strano, è bene parlare e fischiettare al pappagallino.

La socializzazione è estremamente importante per l’uccello, quindi se potete, usate il rinforzo positivo il più spesso possibile, soprattutto se notate che il vostro pappagallino inizia a imparare a parlare.

Caratteristiche e colori

Quando si tratta della dimensione standard del pappagallo, la maggior parte degli uccelli non crescono per più di 7 pollici di lunghezza quando raggiungono l’età adulta. 

Un pappagallino di solito pesa tra 0,9 e 1,4 once, quindi può essere considerato un piccolo pappagallino, rispetto ad altri tipi all’interno della stessa famiglia.

Per quanto riguarda le caratteristiche del corpo e i colori dei pappagallini, c’è molta varietà. 

Il tipico pappagallino pappagallino, originario dell’Australia, ha la testa gialla e il corpo verde, coperto da diversi segni scuri. 

Ci sono anche alcune differenze di tono. 

I pappagallini possono essere verde chiaro, verde scuro, oliva o grigio-verde. Quelli blu possono essere cobalto, blu cielo, malva, o grigio, ma anche viola. 

Come potete vedere, c’è molta diversità, e gli allevatori possono trovare nuove combinazioni.

I maschi e le femmine hanno una notevole particolarità del corpo, che viene utilizzata per fare la differenza tra di loro. 

La loro cera si differenzia per il colore, con quello delle femmine abbronzate o marroni e quello dei maschi blu. 

Qual è l’età massima che la maggior parte dei pappagallini può raggiungere? La maggior parte dei pappagallini vive fino a un decennio, quindi quando si ottiene una coppia, ci si impegna a lungo termine. 

Cura del parrocchetto

Le basi della cura del pappagallo che dovreste conoscere riguardano le necessità di alimentazione e di abbeveraggio degli uccelli, l’alloggiamento, gli accessori, i giocattoli e una varietà di tali attrezzature. 

Tenere i pappagallini come animali domestici non è estremamente impegnativo, ma richiede dedizione e attenzione. 

Quando si tratta della gabbia che è necessario tenere un solo pappagallo come animale domestico, dovrebbe misurare almeno 18 pollici in larghezza, 18 pollici in profondità e 18 pollici in altezza. 

2 uccelli hanno bisogno di una gabbia di almeno 21 pollici in larghezza, profondità e altezza, ma la dimensione ideale sarebbe di 35-36 pollici in tutte queste misure. 

Una volta acquistata la gabbia giusta, dovreste ricevere anche una serie di accessori. Ecco alcuni esempi:

  • Tre posatoi
  • Ciotole per alimenti
  • Un annaffiatore
  • Un blocco minerale
  • Un osso di seppia
  • Giocattoli

Anche gli uccelli da compagnia possono annoiarsi e sentirsi soli, e possono essere stressati se non hanno mezzi di intrattenimento. 

Potreste ottenere un set di giocattoli da un sito come Chewy.com, per esempio, contenente una dozzina di giocattoli diversi. Ruotateli ogni due giorni in modo che i vostri pappagallini non si annoino.

Pulisce le ciotole del cibo e dell’acqua ogni giorno, cambia l’acqua ogni giorno e pulisce a fondo la gabbia ogni settimana. 

Altrimenti, possono essere esposti a una serie di batteri presenti nei loro escrementi e rischiano di ammalarsi. 

Dietaa e nutrizione

Un parrocchetto in natura ha una dieta variegata composta da semi, cereali e persino legumi, verdure e frutta, se non altro. 

Alcuni sono noti per mangiare anche gli insetti, se non hanno altre opzioni.

Quando vengono tenuti come uccelli da compagnia, i pappagallini hanno bisogno della stessa varietà. Ma in questo caso, è vostra responsabilità nutrire correttamente il vostro pappagallo, non il suo. 

Semi, pellet e granaglie dovrebbero costituire la maggior parte della dieta di un pappagallo, ma ecco un’analisi completa di ciò di cui questo tipo di uccello ha bisogno per essere felice e sano. ( 5 )

  • Verdure e frutta – fino al 20%.
  • Proteine dai legumi – fino al 20%.
  • Semi, pellet, grani – fino al 70%.

Per quanto riguarda gli integratori, è una buona idea aggiungerne uno contenente vitamina A, D3 ed E, soprattutto mentre il pappagallino è ancora in crescita. 

Queste tre vitamine sono essenziali per la salute generale e per prevenire le carenze di calcio. 

Se mai finiste il cibo per pappagallini in casa, dovreste sapere che alcuni alimenti umani non sono sicuri da somministrare al vostro uccello da compagnia. 

Questi vanno dall’avocado al cioccolato, ma ce ne sono molti altri che possono essere inclusi nella lista. ( 6 )

Salute e condizioni comuni

Le specie di pappagallini possono soffrire di malattie come qualsiasi altro mammifero o uccello. 

Ci sono molte malattie dei pappagallini che possono colpire i pappagallini, alcune delle quali sono contagiose e altre sono il risultato di una cattiva alimentazione, intossicazione e una varietà di altri fattori. 

Alcune delle malattie infettive più comuni che colpiscono i pappagallini sono le seguenti:

  • Salmonella
  • Coltura acida
  • Polyomavirus
  • Candidosi

Queste condizioni possono essere trasmesse da un parrocchetto infetto a uno sano, soprattutto se condividono lo stesso spazio vitale. 

Il poliomavirus colpisce soprattutto i giovani pappagallini, mentre le infezioni da lieviti, come la Candidosi, possono colpire i pappagallini di tutte le età. 

Il raccolto acido è una malattia del pappagallo che può svilupparsi a causa della verdura e della frutta non lavate correttamente o contenenti tracce di pesticidi. 

Gli uccelli che hanno questa malattia soffrono di perdita di appetito, depressione, becco sporco e pelle viola. La condizione è spesso fatale e la maggior parte dei parrocchetti muore entro 5 giorni. 

I pappagallini possono anche avere gli acari e una varietà di altri parassiti, compresi quelli intestinali. Oltre a ciò, ci sono condizioni mediche che possono essere trasmesse all’uomo, come la febbre dei pappagallini. 

Non è raro che i parrocchetti sperimentino gli stessi problemi di salute delle persone, dalla diarrea e dal raffreddore alla stitichezza e alle malattie del fegato grasso. 

Se notate un qualsiasi sintomo preoccupante, che si tratti di letargia, mancanza di toelettatura, mancanza di appetito o cattive condizioni delle piume, dovreste portare il vostro uccello da compagnia da un veterinario aviario il più presto possibile. ( 7 )

Pappagallo come animale domestico

Tenere un pappagallino come animale domestico è una responsabilità che non tutti possono gestire. È necessario essere concentrati sul mantenere il vostro animale domestico uccello felice e sano a lungo termine. 

Poiché la maggior parte dei pappagallini sono noti per vivere fino a un decennio, questo è un impegno a lungo termine.

Se non si ha abbastanza tempo per il compito, è meglio ottenere un animale di manutenzione ancora più basso. 

Con i pappagallini, bisogna sempre fare attenzione al loro aspetto e al loro comportamento, solo per assicurarsi che non ci sia qualche condizione di salute che non si sia notata.

A parte questo, i pappagallini sono ottimi animali da compagnia perché sono amichevoli, per lo più ben educati e molto socievoli. 

Se si addestrano i pappagallini quando sono giovani, possono imparare a parlare o a fare trucchi, e possono fare velocemente amicizia anche con i bambini. 

Prima di decidere di acquistare un paio di pappagallini, cercate di fare quante più ricerche possibili sulle loro esigenze. 

Questo vi aiuterà a capire se sono un’opzione adeguata in termini di animali domestici per il tempo che avete a disposizione e per gli investimenti che dovete fare in termini di qualsiasi cosa, dall’alloggio al cibo, ai dolciumi e ai giocattoli. 

Sophie Waechter

Written by